ANNO 1990

CRONOLOGIA DELL'ANNO ( 1a PARTE

 

VENTI DI GUERRA
IN JUGOSLAVIA
IN MEDIO ORIENTE (IRAK)

 

 

SONO 5.301.000.000 GLI ABITANTI
SUL PIANETA TERRA.

Che è diviso in 173 Paesi e in 38 insiemi geopolitici. Un indicatore questo adottato dall' ONU con considerazioni che tengono conto sia del prodotto interno lordo pro capite, il benessere raggiunto, la scolarizzazione, l'analfabetismo, la sanità, le speranza di vita, le risorse interne di ogni Paese.

L'ITALIA  CONTA 56.125.000 DI ABITANTI
di cui in Agricoltura il 6,7%, Industria 32,9%, Servizi il 60,4 % (i servizi in continua ascesa)
Il prodotto lordo: nell'Agricoltura il 4,3 % nell' Industria 32,9 %, nel Terziario e Servizi 62,8 %.
Nella popolazione italiana quelli che lavorano sono 19.448.000 (34,6 %) i non attivi 36.312.000 (65,4 %).

Secondo i dati ISTAT in ITALIA ci sono già 1.144.000 STRANIERI di cui 963.000 EXTRACOMUNITARI. Ma l'esodo dai Paesi Slavi in guerra e dall'Est ormai libero, è appena agli inizi e soprattutto fuori da ogni controllo. A Gorizia si entra e si esce a volontà.
In luglio l'Italia entra nell'emergenza immigrati. Le "carrette del mare" sbarcano sulle coste di Brindisi decine di migliaia di ... "profughi" (!?)


COSTO DELLA VITA : Stipendio Operaio circa 1.100.000. Costo giornale 1200, biglietto del Tram 900, Tazzina Caffè £ 700, Pane £ 1500 al kg, Latte £ 1100, Vino al litro £ 1200, Pasta al kg £. 1280, Riso al kg £ 1350, Carne di Manzo al kg. £ 16.000, Zucchero al kg £ 1260,  Benzina 1478 (l'8 agosto sale a 1510 lire, il 2 ottobre a 1605 lire),  1 grammo di Oro £ 13.800. 
(SUL COSTO DELLA VITA, E SULLA SITUAZIONE GENERALE DEL PAESE,  VEDI IL MESE DI LUGLIO)

IL 1990 IN BREVE
SEGUONO POI I SINGOLI MESI

L'anno inizia trascinandosi dietro le ultime esaltanti e impressionanti giornate di dicembre, con in tv o sui  giornali la sequenza di immagini della gioia infinita sul "muro" di Berlino (con il grande concerto di fine anno alla porta di Brandemburgo), ma anche con quelle ultime immagini agghiaccianti della esecuzione di Ceaucescu e di sua moglie in Romania, andate in onda il 29 e il 30 dicembre.

Due eventi - nonostante tutto entrambi politicamente "positivi" - che facevano ben sperare sulla fine della guerra fredda, e sugli ottimismi di un cambiamento delle relazioni internazionali fra i Paesi dell'Est e quelli dell'Ovest.
Purtroppo non è stato così. Di sorprese in "negativo" se ne verificheranno tante nel corso dell'anno. Il cambiamento così brusco nella stessa ex Unione Sovietica ha dato il via a delle tendenze nazionalistiche (e perfino xenofobe) in alcuni stati periferici, quelli più ricchi di risorse di altri, fino allora uniti nella sorte da una unione imposta da un dittatore.
Creeranno dei seri problemi nel corso di quest'anno e nei successivi. Con la vecchia Armata rossa (anch'essa spaccata in due alla base e ai vertici) che non ce la fa a tenere tutto sotto controllo (come in Bulgaria, nell'Azerbaigian, in Romania, Polonia, in Cecoslovacchia e nei Paesi baltici).

Ma non solo in Unione Sovietica, scemano gli ottimismi di inizio anno. Nell'intera Iugoslavia fin dai primi mesi si manifesta una forte spinta alla dissoluzione di quella federazione creata anche questa da una unione imposta, in questo caso non da un dittatore ma da Wilson al termine della prima guerra mondiale, e che alla fine della seconda, la federazione tale e quale era rimasta con i nuovi giochi politici di Yalta. Popoli diversi, con una etnia diversa, con delle economie diverse, con una religione, lingua, tradizioni e mentalità diverse.
Esploso l'Est, in crisi tutte le strutture accentrate sovietiche (compresa quella militare), libera la federazione da tutti quei vincoli politici sui quali si era appoggiata la nomenclatura del regime di Tito, ogni paese dei Balcani, ma soprattutto quelli più occidentalizzati, come la Slovenia e la Croazia, hanno subito impresso una maggior spinta  alla propria tendenza indipendentista, da anni, da decenni, da secoli latente. Come vedremo quest'anno e nei successivi anni, una pressione non priva di ripercussioni drammatiche sull'intero territorio slavo. 
Insomma la fine della guerra fredda ha prodotto risultati inattesi. Risvegli di sopiti odi, ritorno di antichi conflitti, nuovi drammi e ancora una volta nuove desolazioni.

L'Italia credeva di poter guardare gli eventi solo in televisione, che quelli a est non erano problemi suoi. E se da quest'anno nella gravissima crisi balcanica suo malgrado sarà investita da veri e propri biblici esodi di profughi, di sicuro non  immaginava di essere pure essa coinvolta nel corso dell'anno (in Agosto) in un conflitto vero e proprio in Oriente nella crisi Kuwait-Iraq.
Preoccupazione che diventa inquietudine e risveglio di crisi di coscienza, quando nel Golfo Persico, l'Italia a fine anno deve scendere  in campo a fianco degli Stati Uniti  a fare una vera guerra guerreggiata con i suoi marinai, i suoi piloti, il suo esercito (anche se la si chiama "Forza di Polizia" e non guerra).

Dal dopoguerra (o meglio prima della guerra, nel '40) non si erano mai più sentite in Italia prese di posizioni così nette come quelle pacifiste o interventiste. Una Italia spaccata in due, ma entrambe percorse da una improvvisa e insospettata ondata di ipocrisia, demagogia, fatalismo, con tanta insofferenza di alcuni a intervenire, pari alla entusiastica disponibilità  di altri a partecipare.

Ma a parte questi eventi, non mancarono nemmeno i mai risolti problemi interni, di vecchia data; come la cassa integrazione, l'inflazione, i prepensionamenti, la sanità allo sfascio, la disoccupazione strisciante, la protesta scuola, il monopolio cattolico in sofferenza, la Fiat in grave crisi come molte altre grandi aziende.
E si apprende pure con sconcerto che il debito pubblico per la prima volta è superiore al PIL. 
Nè mancarono delle forti tensioni nei vari organi istituzionali, intercalate qui e là dalle tante polemiche innescate dallo stesso Presidente della Repubblica Cossiga con le sue "picconate". Poi con le rivelazioni di Andreotti sulla Gladio. Per finire con il "giallo" "mistero" delle lettere di Moro ritrovate dopo 12 anni.

Non mancheranno i delitti "eccellenti"; poi quelli di mafia; infine la cronaca nera che rovina il quotidiano degli italiani creandogli un senso di impotenza. E perfino gli studenti tornano nuovamente in cronaca con le occupazioni sotto il simbolo questa volta della "Pantera" contro la temuta privatizzazione delle università.
Eppure il CAF (Craxi, Andreotti, Forlani) a inizio gennaio serrate le fila della maggioranza di governo aveva  dichiarato di "voler combattere l'indecisionismo parlamentare". Come se loro non contassero nulla, o vivessero su un altro pianeta; mentre invece tutto si muove (o non si muove se sgradito) dentro questo triangolo "iper-decisionista", "presidenzialista", e che alcuni (Cossiga in testa) già chiamano "dittatoriale"; i più benevoli "imperiale", i più cattivi "un nuovo duce".

Non mancheranno infatti gli intrallazzi negli oscuri fondali marini della politica e altrettanti maneggi, espedienti e colossali imbrogli nella grande finanza; alcuni emergono subito, altri sono occultati a grandi profondità; verranno a galla solo fra due anni. Ma quanti "relitti" sbattuti sull'ultima drammatica "nera spiaggia"
Infatti quest'anno passano di mano grandi imperi, si concedono le "concessioni" alle  tv private e passano perfino gli spot durante i film minacciando crisi di governo; Craxi  di crisi ne fa una tempestosa (con la caduta del governo) per il passaggio indolore della Mondadori a Berlusconi; mentre Piga (Partec. Stat.), Cagliari (pres. Eni) e Gardini (pres. Montedison) (tre candidati alla "nera spiaggia") si accordano (e non sono soli) per cedere o comprare tutta l'intera "scatoletta" del "Piccolo Chimico" di Ravenna, che sta però diventando e dichiarandolo pure "la chimica sono io!".

Quanto vuole Gardini? 4.205 miliardi! Piga compra, lo Stato strapaga e Gardini incassa una montagna di soldi, ma con tanta tanta rabbia in corpo perchè gli hanno impedito di creare l'Enimont.
Il polo chimico in Italia è stato distrutto? No, rispose Piga (il mediatore) "La chimica la sapremo affrontare con successo". Fu invece il prologo di una tragedia per tutti e tre i protagonisti.


Piga morirà d'infarto poche settimane dopo, e gli altri due si suicideranno nel corso del "processo successo" di Tangentopoli.
Cagliari con tutto quell'ossigeno che produceva la sua Montedison, non volle nemmeno più respirare quello naturale, infilò la testa in un sacchetto di plastica e iniziò a respirare anidride carbonica prodotta personalmente, suicidandosi.
L'altro invece - Gardini- abituato di più all'azione, la fine la volle più rapida: si fece saltare le cervella.

L'anno 1990 termina (a parte la polemica Gladio in "casa Italia" che troveremo più avanti) con una grande tensione, tutti si fanno una sola domanda: quante ore mancano all'inizio della guerra del Golfo.
 Ormai tutto è pronto, 350.000 soldati sul piede di guerra, navi, aerei, missili e bombe.
Parte la campagna demonizzatrice di Saddam Hussein, l'anno precedente alleato agli Usa contro l'Iran, ora nemico pubblico n.1 del mondo. Bisogna difendere i ricchi emiri e con loro la nostra "civiltà del benessere".
Lo "spettacolo" televisivo  "Desert Storm" inizierà alle ore 0,30 del 17 gennaio, il prossimo anno.
Per offrire il maggiore ascolto con la diretta, quasi tutte le operazioni belliche  inizieranno col l'orario del palinsesto degli "spettacoli" di prima serata (ovviamente ora americana, cioè all'ora di cena).

FACCIAMO ORA UNA BREVE SINTESI DELL'ANNO
(maggiori dettagli e altri fatti nei rispettivi mesi)


GENNAIO - Iniziano le contestazioni studentesche sulla riforma delle Università. La proposta (legge Ruberti) è quella di privatizzarle. Si ribellano gli studenti delle facoltà umanistiche che hanno la certezza che a queste discipline i soldi dei privati non arriveranno mai. Le industrie guardano a quelle scientifiche, dove prelevare ricerca, risorse umane e brevetti spendendo poco.
Termina a Palermo l' "esperimento" di Orlando. Andreotti è sceso in Sicilia e in tre giorni ha stupito perfino Craxi! Ha ricucito lo strappo e ha "fatto fuori",  la "mala giunta" (come la chiama il segretario del PSI) e lo stesso Olando. Ma ha fatto maretta con Craxi? (vedi gennaio).

FEBBRAIO - Dure polemiche sul passaggio della Mondadori a Berlusconi. Attacca De Benedetti ""La vicenda è un complotto politico-affaristico-giudiziario"
* Diventa legge il decreto Martelli sull'emmigrazione.
* A Firenze bande di razzisti con sbranghe e mazze vanno a caccia in città di extracomunitari da espellere. (vedi febbraio) 

MARZO - Congresso del PCI a Bologna. Occhetto parla, propone, fa aperture in tutte le direzione; alcuni dei suoi lo ascoltano, altri lo contestano, altri ancora si chiudono in un eloquente silenzio. 
Lui butta le reti da tutte le parti ma (dicono e scrivono molti) non sa che pesci pigliare. Guarda la barchetta già precaria degli altri mentre la sua che è più grande non si accorge che affonda. Delegati, elettori e avversari non ci capiscono più nulla; Bobbio nemmeno, si limita a rispolverare un eloquente articolo di Asor Rosa dal titolo "Dove va il Pci?". (vedi marzo)

APRILE - Finalmente gli italiani si sentono di fatto ora più europei; ora possono spendere all'estero i propri soldi, aprire conto correnti in altri paesi, comprare titoli esteri, aprire in Italia conti bancari in moneta straniera. Il governo ha approvato la piena liberalizzazione dei movimenti di capitali. Prima lo potevano fare solo i privilegiati 500 di Calvi-Gelli-Sindona, ora anche i "barboni". (vedi aprile con altri fatti nazionali e internazionali)

MAGGIO -  Si svolgono il 6 maggio le elezioni amministrative. Penalizzano ancora una volta il PCI, mentre le leghe, soprattutto quella Lombarda fanno un pieno di voti in alcune città del Nord.
Clamorose affermazioni di Leoluca Orlando l'ex sindaco di Palermo, esautorato. Interviene Cossiga; é l'inizio di una lunga seri e di polemiche "esternazioni" che fra poco diventeranno le famose "picconate". (questo e altro in maggio)

GIUGNO - Mese di un referendum inutile (sulla Caccia e i Pesticidi). Vince il popolo degli astensionisti (ovviamente composti dai cacciatori e soprattutto dai contadini che dalla caccia prendono contributi. (vedi questo e altro in giugno)

LUGLIO - Breve crisi dentro il governo -provocati dai forti contrasti fra PSI e DC di sinistra al voto della "legge Mammì", che concede le emittenze televisive a favore di Berlusconi. Si dimettono cinque ministri. Andreotti non perde la calma ne nomina altri cinque (mai accaduto prima d'ora) ed evita la crisi di governo. -  La situazione in Italia sul costo della vita e una tabella delle forze attive del Paese: per settore, sesso e posizione (vedi luglio). -
Iniziano a sbarcare sulle coste italiane ondate di profughi in fuga dalla ex Iugoslavia. (vedi questo e altro in luglio)

AGOSTO - Le truppe irachene di Saddam Hussein invadono il Kuwait. Saddam era convinto di poter agire; faceva affidamento sulla neutralità americana in caso di conflitto (perfino in un eventuale aiuto, come in Iran), poiché da anni esisteva un’alleanza Iraq-Stati Uniti in funzione anti-iraniana.
Nei mesi precedenti le minacce di Saddam all'emirato arabo erano state piuttosto esplicite. Quindi l'invasione era già "annunciata". Ma per segreti motivi si cambiò idea, provocando così una crisi non più locale ma mondiale. Infatti il governo di Washington riesce a costituire un insieme di alleanze, unico nella storia dopo la fine della seconda guerra mondiale. Compresa l'Italia, subito investita dalle polemiche dei pacifisti e dagli interventisti  (vedi questo e altro in agosto) 

SETTEMBRE - Un mese "nero". Auto in crisi, licenziamenti in vista in molte grande aziende, il debito pubblico che supera il PIL, e nel frattempo nei "salotti buoni"  dell'alta finanza si fanno e si disfano imperi economici con la costante presenza degli "angeli custodi" della politica "corsara". Sono infatti i mesi dell'"arrembaggio" più spudorato. (vedi questo e altro in settembre)

OTTOBRE - E' una corsa fra PSI e PCI a cambiare simbolo e nome ai rispettivi partiti. Occhetto lo aveva annunciato a Marzo per avvicinarsi alla sinistra socialista, Craxi lo fa a sorpresa in ottobre per avvicinarsi ai socialisti di sinistra che sono dentro il Pci. Occhetto deve anticipare i tempi e pochi giorni dopo annuncia il nuovo nome e il nuovo simbolo.
Tutta l'attenzione dei media è però dedicata alle rivelazioni di Andreotti su Gladio, con il successivo intervento di Cossiga che inizia andare "fuori le righe". (vedi questo e altro in ottobre)

NOVEMBRE - A Palermo il contestato uomo del "nuovo esperimento", quello della  "giunta senza Psi", che aveva allarmato e preocupato Craxi,  ma poi "liquidato" da Andreotti in gennaio, annuncia di lasciare la Dc per dar vita a un nuovo movimento: la Rete. (vedi questo e altro in novembre)

DICEMBRE - Inizia un "bel pasticcio". Esplode la polemica sul "CASO GLADIO". Tutti parlano e tutti si ergono a giudici. L'imputato è Lui, COSSIGA "il cospiratore". E lui si difende.
Iniziano le "picconate", "esterna". Dicono che è matto, e lui ribatte
"In realtà io non esterno. Io comunico; Io non sono matto. Io faccio il matto. E' diverso. Io sono il finto matto che dice le cose come stanno". (vedi questo e altro in dicembre).

L'anno si chiude nelle polemiche e con i venti di guerra alle porte. 


I SINGOLI MESI

1-30 GENNAIO - Mentre la commissione Istruzione del Senato incomincia l'esame sulla proposta di "Legge  Ruberti"  cresce nei vari atenei il dissenso degli studenti e nasce un movimento di protesta che assume il nome di "Pantera". Il 18 gennaio iniziano - occupando le aule - gli studenti dell'università romana La Sapienza, contemporaneamente agli studenti dell'ateneo di Palermo, poi nei successivi giorni dilaga a Venezia, Genova, Firenze, Camerino, Perugia. Nell'arco del mese sono più di cento le università occupate.

La riforma dovrebbe garantire l'autonomia amministrativa delle università consentendo ad alcune strutture private di ricerca di collaborare. Si parla cioè di privatizzazione; ovviamente questa collaborazione la parte del leone la fanno quelle discipline scientifiche più gradite ai privati potenziali finanziatori; che vorrebbero avvantaggiarsi della ricerca degli atenei.

 A insorgere sono ovviamente le facoltà umanistiche. In minor misura quelle scientifiche (le più interessate ai finanziamenti privati)  che provocano polemiche tra gli stessi studenti e autorità accademiche di diverse tendenze politiche. Non mancano scontri tra le opposte fazioni, con interventi della polizia, con feriti, seguite dalle feroci polemiche politiche di esponenti della maggioranza, che accusano che le agitazioni hanno una matrice  "di sinistra".
Le agitazioni proseguiranno per vari mesi, impedendo il normale svolgimento delle lezioni.

11-15 - GENNAIO - Si apre a Rimini il XVI Congresso del MSI, piuttosto movimentato. Esce Gianfranco Fini e ritorna a Pino Rauti, promettendo grandi cambiamenti dentro il partito.

22 GENNAIO - Il CAF (ma forse solo la A al centro) dopo mesi di polemiche scende in campo in Sicilia, a Palermo, nella nota  "mala giunta" (definizione di Craxi); quella "reazionaria" guidata dal Sindaco Leoluca Orlando senza la partecipazione dei socialisti. 
Un laboratorio di una nuova esperienza politica che ha allarmato moltissimo i socialisti, convinti che se attecchiva questo tentativo in Sicilia  c'era il timore di una sua estensione anche sul continente. L'alleanza con comunisti, i verdi e i cattolici di Città per l'uomo (il partito di Orlando) non gli piaceva proprio, lo diceva chiaro e lo gridava anche.
I veti di Craxi li abbiamo già sentiti lo scorso anno; una delle prime condizioni poste quando si è formato e ha ricevuto la fiducia il governo Andeotti era proprio questa: era obbligata la DC a ricucire lo strappo che si era verificato sull'isola. E Andreotti si è mosso; in tre giorni ha fatto tutto: ha sostituito il segretario della Dc locale, ha subito dopo presentato una mozione di sfiducia alla giunta,  ha posto fine all'esperimento Orlando e ha poi affermato che vuole ristabilire un rapporto di collaborazione con i socialisti. Andeotti è dunque più malleabile di De Mita?

 Andreotti si è adeguato? Ha subìto -come sembra a molti- il ricatto? Ha fatto -dopo una tempesta- maretta con Craxi?
A non crederci è lo stesso Il Manifesto:
"Non crediamo a una tempesta di Palazzo. Siamo di fronte a un governo fortissimo (mio parere e spero di non sbagliare) che si concentra nella figura del Presidente del Consiglio, che non ha più bisogno dei Caltagironi di turno, ma interviene autorevolmente per la prima volta in vita sua, nel controllo delle grandi banche, del potere finanziario e dell'informazione. (...)"
"Il più curiale dei dirigenti democristiani - il più vecchio direbbe qualche superficiale modernista - sta costruendo quella saldatura tra potere politico democristiano e potere del grande capitale, che non era mai riuscita a nessun dirigente democristiano, non a De Gasperi, non a Fanfani, non a Moro" (...)
"In questo contesto  non c'è solo la sconfitta della cosiddetta sinistra democristiana, ma anche il ridimensionamento del PSI , conseguente alle difficoltà del PCI. Andreotti si adegua, lascia fare perchè la corsa del PSI è di corto respiro. La prova di Palermo dovrebbe preoccupare tutti, anche il PSI, e ridimensionare gli allarmi o le speranze di crisi di governo". (...)  (Il Manifesto mercoledì 24 gennaio 1990, articolo di Valentino Parlato).

 

NOTIZIE DAI TITOLI DEI GIORNALI O TV
NAZIONALI - INTERNAZIONALI - SPORTIVI

FATTI NAZIONALI

2 - L'Istat comunica che il costo della vita relativo al 1989 ha conosciuto un aumento del 6,6 per cento.
6 - La lira entra nella fascia stretta del Sistema monetario europeo. Il MARCO è fissato a lire 748
7 - La torre di PISA dopo alcuni rilievi sulla sua stabilità é chiusa al pubblico.
14 - Il  XVI Congresso del MSI-DN  tenuto a Rimini elegge segretario l' on. PINO RAUTI.
18 - La Corte Costituzionale dichiara ammissibili i referendum su pesticidi, licenziamenti nelle piccole imprese e due inerenti sulla caccia.
22 - Muore il sen. MARIANO RUMOR.
22 A Palermo le correnti di GIULIO ANDREOTTI presentano un documento di sfiducia nei confronti della locale segreteria del partito. Finisce l'esperienza del sindaco LEOLUCA ORLANDO  che aveva tentato di dar vita a una nuova alleanza estesa ai comunisti, verdi; esperienza che era stata chiamata "Il laboratorio Palermo" i cui temi principali era la lotta alla mafia e una trasparenza amministrativa. il 23  LEOLUCA ORLANDO si dimette.
24 - La sinistra DC decide di passare all'opposizione interna.
24 - Il Consiglio superiore della magistratura respinge la proposta di nominare ANGELO VELLA a presidente di sezione della Corte di Cassazione, perché iscritto alla massoneria.
25 - Confindustria e sindacati raggiungono l'accordo sul costo del lavoro.
25 - Il consiglio d' amministrazione della Arnoldo Mondadori editore nomina presidente Silvio BERLUSCONI dopo lo scontro con CARLO DE BENEDETTI Battaglie legali fino a giugno quando una sentenza arbitrale riconquisterà il controllo della maggioranza. Ma continuerà la battaglia legale
29 - A Stallavena e' rapita la bambina Patrizia TACCHELLA.
30 - I rapitori rilasciano CESARE CASELLA.

ALTRI TITOLI ALTRI GIORNALI
2 L'Istat comunica che il costo della vita relativo al 1989 ha conosciuto un aumento del 6,6 per cento.
3 Si apre a Roma il consiglio federale del Pr.
4 Diventa operativo il decreto sugli immigrati: lunghe code davanti alle questure.
5 Il segretario del Pci Occhetto presenta la mozione di maggioranza in vista del congresso straordinario.
6 Fallisce la mediazione proposta dal Tribunale di Milano a De Benedetti e Berlusconi: torna in alto mare il caso Mondadori.
7 La torre di PISA dopo alcuni rilievi sulla sua stabilità é chiusa al pubblico.
6 La lira entra nella fascia stretta del Sistema monetario europeo. Il MARCO è fissato a lire 748
9 Alla giunta per le elezioni della Camera la maggioranza propone di insabbiare la richiesta d'annullamento per brogli delle elezioni dell'87 nella circoscrizione Napoli-Caserta.
10 Scontro fra Ferrovie dello stato e sindacati sul contratto di lavoro. I Cobas minacciano nuovi scioperi.
11 Il procuratore generale della Cassazione Vittorio Sgroi inaugura l'anno giudiziario 1990 lanciando accuse contro le riforme troppo garantiste.
12 Si apre a Rimini il XVI congresso del Msi. Si profila un ricambio al vertice fra il segretario Fini e Pino Rauti.
13 Inaugurato l'anno giudiziario nelle città italiane: polemiche relazioni a Roma e a Torino.
15 Si chiude con una netta spaccatura il congresso del Msi: Rauti batte Fini di pochissimi voti nella lotta per la segreteria.
16 Con l'insediamento al vertice dell'Amef (la finanziaria che controlla la Mondadori) il gruppo Fininvest-Berlusconi batte il gruppo Cir-De Benedetti (le cui istanze giudiziario sono state respinte dal Tribunale di Milano).
Dopo Palermo anche a Roma studenti universitari occupano quattro facoltà contro la legge Ruberti sull'autonomia degli atenei.
17 I giornalisti della Mondadori entrano in sciopero contro la scalata del gruppo Berlusconi.
19 Occupate sedi universitarie in altre sette città; Andreotti contestato dagli studenti di Palermo.
La Corte costituzionale dichiara ammissibili i referendum sulla limitazione di caccia e pesticidi e sull'estensione alle piccole imprese dello Statuto dei lavoratori.
21 Il ministro del Commercio estero Ruggiero firma un decreto che consente l'acquisto di titoli obbligazionari emessi o pagabili all'estero.
23 La Dc palermitana sconfessa il sindaco Orlando; si dimette il segretario provinciale La Placa.
Il consiglio di amministrazione di Enimont, contro gli orientamenti dei ministro delle Partecipazioni statali, accoglie rappresentanti di quote azionarie private, spostando gli equilibri della joint venture a vantaggio di Montedison.
24 Alla Camera dei deputati è respinto un documento del governo che dichiarava legittima la conquista della Mondadori; 40 parlamentari della maggioranza si schierano con la mozione del Pci Sinistra indipendente.
Il governo decide di ricorrere al voto di fiducia per impedire gli emendamenti in materia elettorale alla legge sugli enti locali.
Si dimette a Palermo la giunta Orlando.
25 Pci e Sinistra indipendente ricorrono all'ostruzionismo contro il veto posto dal governo alle leggi elettorali.
Dopo le dimissioni di Orlando, De Mira e la sinistra Dc si dimettono dalle cariche di partito.
26 Silvio Berlusconi assume la presidenza della Mondadori.
Intesa sindacati-Confindustria apre la via alle vertenze di categoria.
27 Sulle leggi elettorali il governo pone per la seconda volta il voto di fiducia; il Pci abbandona l'aula.
28 Scioperi di protesta nelle ferrovie dei Cobas e dei sindacati confederali contro il piano del commissario delle Ferrovie dello stato Schimberni che mira a «tagliare» 30.000 posti di lavoro.
Cortei studenteschi a Roma, Firenze, Palermo.


FATTI INTERNAZIONALI
2 - Romania: secondo la televisione francese Tf3, CEAUSESCU cadde per un colpo di stato e non per la rivolta popolare; i leader romeni ribadiscono la matrice popolare della rivoluzione.
4 - Panama: l' ex dittatore Manuel Antonio NORIEGA lascia la nunziatura vaticana dove era rifugiato, e si consegna ai marines Usa.
6 - Colombia: blocco navale degli Stati Uniti per controllare i narcotrafficanti; la Colombia non accetta il blocco che viene ritirato l' 11 gennaio.
8 - Cambogia: l'Australia propone un piano di pace che affida all' Onu il controllo fiduciario della Cambogia in vista di elezioni libere: il piano e' accettato il 9 dal primo ministro cambogiano Hun Sen, e il 12 da Urss e Cina.
8 - Germania Est: l' opposizione abbandona la Tavola rotonda con il governo poiché questo non scioglie la polizia segreta; il governo vuole mantenerla per combattere i gruppi neonazisti che cominciano ad apparire con episodi di teppismo.
8 - Salvador: il presidente Cristiani ammette che gli autori della strage dei sei gesuiti, del 16 dicembre, sono militari.
9-10 - Sofia: 45/o sessione del Comecon: e' istituita una commissione per una profonda riforma dell'organismo.
9 - Cile: il presidente PATRICIO AYLWIN forma il nuovo governo di coalizione, in carica a marzo.
10 - Cina: il governo revoca la legge marziale promulgata il 20 maggio, al momento della strage di piazza TIENANMEN.
11-12 - Urss: GORBACIOV visita la Lituania: propone un nuovo patto federale, con diritto di secessione e multipartitismo; i leader nazionalisti respingono la proposta.
13 - Urss: in Azerbaigian cominciano degli scontri etnici tra azeri e armeni, che si estendono a tutto il Caucaso causando 500 morti; il 15 e' decretato lo stato d'emergenza: la popolazione oppone resistenza armata, e il 19 interviene l' esercito.
13 - Germania Est: il Partito socialdemocratico si unisce al quello della Germania occidentale, assumendo lo stesso nome.
15 - Germania Est: l' ex presidente ERICH HONECKER e' incriminato per alto tradimento e atti contro la Costituzione.
15 - Bulgaria: il Parlamento abroga il ruolo guida del Pc, e riabilita gli oppositori condannati dal 1946. Il 16 comincia la Tavola rotonda tra governo e opposizioni. Il 18 l' ex leader ZHIVKOV e' incriminato per appropriazione di fondi pubblici.
15-16 - Cambogia: a Parigi, i cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell' Onu accettano la proposta australiana, respinta pero' da SIHANUK il 18; questi il 24 rinuncia alle sue funzioni di capo dell' opposizione.
17 - Liberia: dopo l' insurrezione di dicembre, l' esercito compie massacri nel Nord: 30.000 profughi in Costa d' Avorio.
18 - Cecoslovacchia: il primo ministro MARIAN CIALFA si dimette dal Partito comunista.
19 - Usa: a Washington e' arrestato il sindaco MARION BERRY per acquisto e abuso di stupefacenti.
19 - India: il governo federale prende il controllo dello stato del Cashmire, popolato da musulmani; ricomincia la tensione con il Pakistan, che sostiene gli indipendentisti.
20-22 - Jugoslavia: Congresso straordinario della Lega dei  comunisti jugoslavi; il Pc sloveno abbandona il Congresso dopo che le sue proposte di democratizzazione sono respinte.
25 - Gran Bretagna: un uragano colpisce l' Europa del nord- ovest, provocando 100 morti, di cui la meta' in Gran Bretagna.
25 - Africa: nel suo viaggio nel Sahel PAPA GIOVANNI PAOLO II rinnova l' appello alla solidarieta' in favore dell' Africa.
28 - Polonia: Il Congresso del Partito comunista (Poup) decide la propria dissoluzione e la creazione di un Partito Social democratico; l' ala radicale fa secessione e fonda un altro Partito social democratico.
30 - Urss-Germania: Gorbaciov riceve il premier tedesco orientale HANS MODROW e accetta l' idea di una Germania unita.
31 - Libano: a Beirut cominciano violenti combattimenti nel settore cristiano tra l' esercito del gen. AOUN e le forze libanesi, la milizia guidata da SAMIR GEAGEA.

FATTI SPORTIVI
4 - CALCIO: Entra in vigore la legge contro il Totonero.
4 - IPPICA: Muore Sergio BRIGHENTI, uno dei piu' grandi guidatori dell'ippica mondiale, vincitore di 5.150 corse.
12 - CALCIO: Muore per infarto a Copenaghen JOHN HANSEN, 65 anni, ex calciatore della Juventus.
16 - AUTO-MOTO: Per il secondo anno consecutivo Edi Orioli (Cagiva Elefant) vince la Parigi-Dakar, 12/a edizione, nella categoria moto. Al finlandese ARI VATANEN, in coppia con lo svedese BRUNO BERGLUND (Peugeot 405 T16), la prova per auto.
20 - ATLETICA: A Tokyo, il Consiglio della IAAF detronizza il canadese BEN JOHNSON, positivo al controllo antidoping delle Olimpiadi di Seul 1988, dei suoi primati e titoli mondiali.
28 - TENNIS: Il cecoslovacco IVAN LENDL si aggiudica a Melbourne la finale degli Internazionali d'Australia, battendo lo svedese STEFAN EDBERG, costretto ad abbandonare al terzo set per problemi addominali. Il torneo femmnile e' vinto dalla tedesca STEFFI GRAF.
29 - AUTO: La FISA rifiuta l'iscrizione al Mondiale delle McLaren se AYRTON SENNA non ritirerà le accuse di  ''manipolazione'' del campionato 1989, vinto da PROST. Dopo una lettera di scuse del brasiliano, la federazione accettera' l'iscrizione McLaren concedendo a Senna la superlicenza.

FINE GENNAIO

 

16-18 FEBBRAIO - Dure accuse di De Benedetti sulla vicenda Mondadori. "La vicenda è un complotto politico-affaristico-giudiziario contro di me". La controparte replica ""accuse irresponsabili".  Claudi Rinaldi lascia la direzione dell'Espresso. Il 18 Berlusconi attacca l'Espresso e  la Repubblica, e ribatte a De Benedetti "La gestione precedente ragionava solo in termini finanziari".

20 FEBBRAIO - Al Consiglio nazionale della DC, De Mita rassegna le dimissioni di presidente del partito  e annuncia la rottura con la maggioranza forlaniana.

25 FEBBRAIO - Muore a Roma a 94 anni SANDRO PERTINI ex presidente della Repubblica


28 FEBBRAIO - Ritorna sui banchi del Parlamento la "legge Martelli" con una dura battaglia prima dell'approvazione.  Passa con il voto contrario di MSI e del PRI. Decisivi i voti favorevoli dei comunisti. Il decreto Martelli diventa legge.
Contemporaneamente a Firenze alcuni neri sono sprangati; squadre  di razzisti vanno in giro per la città armati di spranghe, mazze e catene a caccia di "Vu' comprà".
(vedi i titoli sui giornali del prossimo mese - "Vu' cumprà via dal centro!")
L'8 marzo il clima antirazziale si fa pesante. Si chiede l'espulsione di 10.000 neri.
Il 12 sono sfrattati dal centro con una operazione di polizia. Gli immigrati scendono in piazza per protesta. Si verificano aggressioni e violenze. Ma ci sono anche da parte di molti fiorentini dimostrazioni di solidarietà: perfino plateali, come il dar fuoco in piazza alla propria carta d'identità.


NOTIZIE DAI TITOLI DEI GIORNALI O TV
NAZIONALI - INTERNAZIONALI - SPORTIVI

FATTI NAZIONALI
1 - GIANNI PASQUARELLI e' nominato direttore generale della Rai, prende il posto di BIAGIO AGNES
4 - Muore l' amm. Eugenio HENKE, ex capo del Sid.
5 - Diventato sindaco di Roma FRANCO CARRARO si dimette da ministro della cultura e dello spettacolo; gli subentra CARLO TOGNOLI.
21 - IMMIGRAZIONE. Dura battaglia per l'approvazione della LEGGE MARTELLI. Si spacca la maggioranza. I repubblicani si oppongono e fanno mancare il voto,  ma sarà approvata con i voti favorevoli dei comunisti
24 - Muore l' ex presidente delle Repubblica SANDRO PERTINI era nato a Stella (SV) il 1896
24 - MONTEDISON, in atto una scalata per la conquista della maggioranza del polo chimico: protagonista il presidente RAUL GARDINI " La chimica sono io!".
26 - A Firenze comincia l' assemblea nazionale del movimento degli studenti, la cosiddetta ''pantera'' che si conclude il 9 marzo.
27 - Si dimette il presidente dell' Enimont LORENZO NECCI.
28 - Il Senato approva la legge MARTELLI sugli immigrati extracomunitari.
ALTRI TITOLI ALTRI GIORNALI
1 Nominato un nuovo direttore generale della Rai: sotto mira Rai tre, il canale non allineato all’esecutivo.2 La commissione Giustizia della Camera approva una proposta di legge elettorale per il Csm che prevede la creazione di nove collegi uninominali. Il Pci accusa la proposta di liquidare le minoranze.
3 Intervento del presidente della Repubblica che sollecita riforme nel campo della giustizia e invita a prendere coscienza della crisi del Csm. Nuovo voto di fiducia chiesto dal governo sulla legge delle autonomie per impedire gli emendamenti elettorali.
4 Grande manifestazione a Roma di studenti medi e universitari.
6 Accordo Schimberni-sindacati: ritirati i tagli di organico nelle Ferrovie e sospesi gli scioperi.
7 A Milano e Villa Literno manifestazioni locali contro l'immigrazione extra-comunitaria.
8 Accolte dal consiglio comunale di Palermo, in un clima incandescente, le dimissioni del sindaco Orlando.
9 Approvata dalla Camera la legge sugli enti locali: voto contrario del Pci.
Assassinato a Villa San Giovanni, un paese del meridione, vicesindaco Dc assessore ai lavori pubblici.
10 Gravi disagi alle frontiere per uno sciopero dei doganieri.
I pentiti di mafia annunciano da varie carceri uno sciopero della fame per ottenere una legge che dia loro benefici adeguati.
11 Assemblea nazionale a Roma della «sinistra sommersa» in appoggio alla svolta di Occhetto.
14 Tensioni nel mercato azionario per i capital gains. Si dimette per protesta il presidente della Commissione sulla tassazione dei guadagni di borsa.
15 A Ottawa il ministro degli Esteri De Michelis lamenta l’esclusione dell'Italia dalla trattativa sull'unificazione tedesca.16 Ostruzionismo del Pri alla Camera contro la Legge «Martelli» sull'immigrazione.
Documento-requisitoria del presidente della Commissione stragi Gualtieri sulla strage di Ustica: rivelate responsabilità di politici in depistaggi ed omissioni.
17 Il Consiglio dei ministri vara un disegno di legge contro i sequestri: pene più severe e confisca dei beni dei rapiti. Approva inoltre, pressato dalla protesta studentesca, varie modifiche alla legge sull'università.
21 Si conclude il consiglio nazionale della Dc: la sinistra passa in minoranza, De Mira si dimette da presidente.
23 Scalata del gruppo Ferruzzi per il controllo Enimont: in crisi la joint venture pubblico-privato
I rettori delle università chiedono la sospensione delle occupazioni e minacciano l'annullamento dell'anno accademico.
24 La Camera approva la legge sugli immigrati con l'opposizione dei Pri ed il voto favorevole del Pci.
25 Nell'affare Enimont la Pretura di Milano dà torto all'Eni, mentre Gardini si proclama capo della chimica.
Muore Sandro Pertini.
28 Il Tar del Lazio, su ricorso presentato da Chiese evangeliche, valdesi, israelitiche e associazioni laiche, annulla il provvedimento del governo sull'ora di religione.

FATTI INTERNAZIONALE
1-3 - Bulgaria: i delegati al 14/o Congresso del Partito comunista approvano un manifesto per un socialismo democratico. L' 1 si dimette il governo del primo ministro GHEORGHI ATANASOV.  Il 3 l' Assemblea nazionale elegge all' unanimità ANDREI LUKANOV primo ministro.
2 - Sudafrica: il presidente FREDERIK DE KLERK annuncia la fine della messa al bando del movimento ''African national congress'' (Anc) e di altre organizzazioni come il Partito comunista sudafricano (Sacp) e il Congresso panafricano (Pac).
3 - Cambogia: il governo di coalizione della Kampuchea democratica, composto dai seguaci di SIHANOUK, Khmer rossi e nazionalisti, cambia nome in governo nazionale della Cambogia.
4 - Costa Rica: RAFAEL ANGEL CALDERON del Partito socialcristiano con il 51 per cento dei voti e' eletto presidente della Repubblica.
9 - Ungheria: il governo ristabilisce le relazioni diplomatiche con il Vaticano, interrotte dal 1945.
9 - Namibia: l' Assemblea costituente approva la Costituzione che vieta la pena di morte, instaura il multipartitismo e garantisce i diritti fondamentali dei cittadini. il 16 l' Assemblea elegge SAM NUJOMA, presidente della repubblica.
11 - Sudafrica: le autorita' liberano NELSON MANDELA dopo oltre 27 anni di prigione. A Citta' del Capo Mandela tiene un comizio nel quale afferma che l' Anc non ha altra scelta che quella di continuare la lotta armata.
12-14 - Unione Sovietica: a Dushambe' (Tagikistan) tre giorni di incidenti etnici fra musulmani, armeni e russi causano la morte di 22 persone.
13 - Canada: i ministri degli Esteri della Nato e del Patto di Varsavia riuniti a Ottawa per la conferenza sui ''Cieli aperti'' raggiungono un accordo che fissa un limite per le truppe di Stati Uniti e Urss in Europa centrale.
14 - India: un ''Airbus A320'' della compagnia ''Indian airlines'' proveniente da Bombay precipita in fase di atterraggio, 90 persone muoiono e 27 sono ferite.
15 - Argentina - Gran Bretagna: a Madrid i governi della Gran Bretagna e dell' Argentina firmano l' accordo che ristabilisce le relazioni diplomatiche interrotte dopo la guerra per le isole Falkland-Malvine del 1982.
15-16 - Colombia: il presidente degli Stati Uniti, GEORGE BUSH, e i presidenti della Bolivia, Colombia e Peru' si riuniscono a Cartagena e approvano un documento di cooperazione per la lotta alla droga.
15 - Spagna: il Parlamento della regione autonoma dei BASCHI approva una mozione che proclama il diritto all' autodeterminazione.
17 - Cuba: il Comitato centrale del Partito comunista approva un piano di riforma del sistema politico monopartitico.
18 - Giappone: alle elezioni il Partito liberaldemocratico mantiene la maggioranza assoluta alla Camera dei deputati con 275 seggi, il Partito socialista ne ottiene 136. il 27 TOSHIKI KAIFU e' rieletto primo ministro.
18 - Nepal: si svolgono manifestazioni per la democrazia e il multipartitismo, aboliti nel 1960. la polizia spara sui dimostranti, uccidendo 11 persone e arrestandone oltre 2 000.
23 - Salvador: muore Jose' NAPOLEON DUARTE, presidente della Repubblica dal 1984 al 1989.
25 - Nicaragua: VIOLETA CHAMORRO, candidata dell' Unione nazionale dell' opposizione (Uno), vince le elezioni presidenziali con il 54,7 per cento dei voti contro il candidato del Fsln DANIEL ORTEGA (40,8).
28 - BENIN: il generale MATHIEU KEREKOU accetta la liberalizzazione del regime marxista-leninista che aveva instaurato nel 1972 dopo un colpo di stato.

FATTI SPORTIVI
4 - TENNIS: A Cagliari, nel primo turno della Coppa Davis l'Italia supera 3-2 la Svezia. Per la prima volta dal 1983, gli scandinavi non giocheranno la finale della competizione.
5 - CALCIO: Giampietro BONIPERTI si dimette dalla presidenza della Juventus.
11 - PUGILATO: Sorpresa a Tokyo. MIKE TYSON, detentore del titolo mondiale unificato dei pesi massimi, e' messo k.o. alla 10/a ripresa dal conazionale JAMES BUSTER DOUGLAS.
21 - CALCIO: Amichevole a Rotterdam, Olanda-Italia 0-0.

FINE FEBBRAIO

 

  "A pesca di voti non di anime"

(per nulla profetico)

7 MARZO  - Comincia a Bologna il XIX congresso del Pci che si conclude il 10 marzo. 

"Bologna, 7 marzo - "Venite, amici, che non è mai troppo tardi per scoprire un nuovo mondo. Io vi propongo di andare più in là dell'orizzonte". Con questa citazione dell'Ulisse di Tennyson, il segretario del Pci Achille Occhetto ha condensato la proposta politica del XIX congresso apertosi oggi. Lo ha fatto al termine di una relazione politica di 132 pagine, con la quale ha delineato le "idee forza" della nuova formazione politica, un nuovo partito di massa, radicato nella società, un partito della sinistra per riorganizzare la sinistra" (Comunicato Ansa, 7 marzo, ore 16,42)

Oggetto principale il "rinnovamento del partito". Per la prima volta vengono discusse le tre mozioni proposte rispettivamente da Occhetto, da Ingrao, Natta e Pajetta, e la terza da Cossutta.

* In quella di Occhetto (67% di consensi) c'è la proposta di dare  l' avvio a una nuova fase costituente per costruire un nuovo partito progressista e riformatore tenendo fede all'Internazionale Socialista. Nello stesso tempo c'è anche la proposta di mutare il nome e il simbolo del nuovo partito che dovrà nascere, secondo un calendario non ancora ben definito, forse a fine anno. (vedi ottobre Ndr.)
* Quella di Ingrao e Natta (30%) è decisamente contraria a rifiutare la tradizione comunista e decisamente ostile al mutamento del nome e del simbolo.(ma l'hanno poi ritirata rinunciando alla contestazione)
* Quella invece di Cossutta (3%) è non solo contraria come la corrente di Ingrao e Natta, ma è ostile a tutta l'intera linea politica di Occhetto e anche avverso a tutta la dirigenza del partito.

 Il comitato centrale comunque rielegge ACHILLE OCCHETTO segretario con il 67 per cento di voti favorevoli.  In un colpo solo, Occhetto ha perso circa 33 per cento dei consensi.
E ora cosa farà? Nulla!
Occhetto del voto è contento e si è perfino commosso quando lo ha abbracciato un Ingrao non proprio molto convinto di quello che aveva detto. In un angolo un Armando Cossutta sempre silenzioso, e in un altro angolo un Giorgio Napolitano (uno dei miglioristi) però incerto sul da farsi, dando l'impressione di non voler parlare per non autoemargi
narsi, infatti non ha parlato e non ha nemmeno borbottato, ma che c'era rimasto male a quello che aveva detto Occhetto lo vedevano anche i ciechi.

Occhetto dunque ha vinto. Ma questa vittoria - e sono molti a pensarlo- non gli basta nè per portare avanti il progetto di rifondazione del partito, nè per conservare a lungo la segreteria che oggi gli è stata riaffidata dal Comitato. Inoltre deve uscire indenne dalle prossime elezioni amministrative.
Norberto Bobbio da Torino sulla Stampa (di martedi 14 marzo), non critica molto, ma rispolvera un articolo dell'agosto 1985, di Asor Rosa, direttore di Rinascita: dal titolo "Dove va il Pci?". Chi intenda intenda. 

Cerca di capirci qualcosa Francesco d'Amato, su Il Giorno (dell'11 marzo), sotto il titolo "A pesca di voti non di anime".

Infatti Occhetto ha fatto tante "aperture" ai Verdi  e ai Radicali, ma gli basteranno per fermare l'emorragia di voti?
E quel disgelo avviato con Craxi dopo tanti anni di rifiuto cosa significa? di poter dissuadere una parte dell'elettorato del Pci meno ideologizzato dalla tentazione di investire finalmente sul PSI?
Dopo il discorso di apertura, in quello di chiusura, pacato e monotono, Occhetto si è dimostrato più cauto su questo versante (ne aveva parlato già troppo) nel timore di valorizzare troppo un partito e un leader che gli sono fortemente concorrenti pur con uno scarso 15%, mentre (per ora) lui ne ha quasi il doppio (eppure si sente debole, sottomesso, dipendente).
E quando Occhetto ha parlato di alternative non si è rivolto soprattutto ai numeri ma si è rivolto a quelli, ai socialisti. 

Insomma Occhetto ha lanciato le sue reti elettorali in tutte le direzioni. Troppe!!  Alcune in direzioni sbagliate, cercando di capire gli altri (che hanno già una loro crisi - Andreotti abbiamo visto lo ha già capito!)  ma non cercando di capire i propri elettori.
 Vedremo comunque se, cosa e quanto riuscirà a pescare.

(ma chi sta scrivendo questa storia lo sa già; più che pescare butterà a mare anche quello che gli hanno lasciato in eredità; dal 33,3% del '84, al 26,6% del '87, fra due mesi alle amministrative 24,0%, fino ad arrivare al 16% del '92. Più in basso di così non si poteva andare).

Eppure quel 42,1 % raccolto in Emilia-Romagna a maggio nelle amministrative potevano insegnare qualcosa, non c'era nel voto "comunista romagnolo" nè assenteismo, nè protesta, ma era già (da diversi anni)  una capacità espressiva della socialdemocrazia europea. Cioè una parte dell'Italia da approfondire, che era rossa, ma un rosso "rosa" quindi molto diverso dal colore  del movimento operaio e del comunismo inteso come "solco storico"  da cui provenivano.
Siamo nell'Italia del 1990 non del 1921!!!

Ed era proprio Bobbio (già accennato sopra il suo corsivo) a ricordare di sfuggita che a una domanda fatta proprio ai delegati del XVII congresso se era realistico la socializzazione integrale, e perseguire l'obiettivo dell'abolizione della proprietà privata  dei mezzi di produzione, l'82,6 %  rispondevano no, e solo il 12,2 sì".
Cioè appunto non eravamo più nel 1921. E che la trasformazione strutturale in corso - Bobbio sempre accennando a Rosa,  richiedevano scelte coraggiose, molto più ardite di quelle che sembrava disposto il partito.

Indubbiamente non furono nè coraggiose nè ardite.

NOTIZIE DAI TITOLI DEI GIORNALI O TV
NAZIONALI - INTERNAZIONALI - SPORTIVI

FATTI NAZIONALI
2 - Il consiglio dei ministri nomina il gen. DOMENICO CORCIONE capo di stato maggiore della difesa.
4 - Il complesso dei POOH vince il festival di Sanremo con la canzone ''Uomini soli''.
7- Congresso del PCI a Bologna
10 - GIULIANO DI BERNARDO e' eletto gran maestro della massoneria del Grande Oriente d'Italia-palazzo Giustiniani.
11 - Comincia una settimana di sciopero degli autotrasportatori che lascerà l' Italia senza benzina.
16 - Comincia il primo congresso di programma del PSDI, che si conclude il 18 marzo.
20 - Votazioni sul disegno di legge MAMMI' sull' emittenza televisiva: con il voto favorevole della sinistra Dc il Senato approva un emendamento del PCI che proibisce l'interruzione pubblicitaria di opere cinematografiche, teatrali, musicali.
21 - Il presidente della Repubblica FRANCESCO COSSIGA, in una lettera al vicepresidente del CSM CESARE MIRABELLI, difende il diritto dei magistrati ad appartenere ad associazioni non vietate dalla legge, ivi compresa quindi anche quella della Massoneria da alcuni anni criminalizzata da attacchi impropri.
22 - A Rimini comincia la conferenza programmatica del PSI, che si conclude il 25 marzo. Il segretario del PSI CRAXI avanza l' ipotesi di un referendum propositivo sul presidenzialismo e lancia la proposta di ''unita' socialista''.
28 - Vicenda Mondadori: il tribunale di Milano sospende la validita' del patto di sindacato Amef.
28 - La Camera approva modifiche al regolamento che rendono più difficile l' ostruzionismo.
30 - I rapitori liberano CATALDO ALBANESE.
ALTRI TITOLI ALTRI GIORNALI
1 Al Senato definitiva conversione in legge del decreto sugli extracomunitari.
2 Scioperi nelle banche, negli ospedali e nelle aziende turistiche.
Approvato alla Camera il testo di legge per l'amnistia. La maggioranza battuta per quattro volte.
3 Raid razzisti di squadre armate a Firenze.
4 A Pontida Craxi si pronuncia a favore di una repubblica presidenziale con ampie autonomie regionali.
6 Ci si avvia al XIX congresso dei Pci: con Occhetto il 66 % degli iscritti.
7 Inizia a Bologna con un discorso di Occhetto il XIX congresso straordinario dei Pci: all'odg «dare vita ad un nuovo partito della sinistra».
8 Missione in Usa del presidente dei Consiglio Andreotti.
10 Duro scontro al congresso Pci. Ingrao esclude comunque la scissione.
11 Si chiude con la vittoria di Occhetto il congresso del Pci: si avvia la fase costituente del nuovo partito.
13 Crisi al Comune di Firenze in seguito ai disordini contro gli extracomunitari: il Pci toglie la fiducia al sindaco che si dimette.
Inizia alla Camera il dibattimento sulla Legge «Mammì».
14 Sciopero degli autotrasportatori contro misure che limitano le sovvenzioni pubbliche a scopo di nazionalizzare un settore eccedentario.
15 A Berlino il nuovo segretario dei Msi Rauti si dissocia dalle destre francese e tedesca in nome di una linea che rifiuta di sposare razzismo e xenofobia.
16 Gli autotrasportatori rifiutano ogni mediazione: lo sciopero prosegue a oltranza.
17 Crisi nel «governo ombra» del Pci per le dimissioni del titolare per le politiche dell'università.
Manifestazione nazionale a Napoli della «Pantera»: oltre 60.000 gli studenti in corteo.
Si apre a Milano il congresso di programma del Psdi.
20 In visita alla Olivetti ed alla Lancia il Papa ammonisce contro l'idolatria della tecnologia.
21 Al Senato passa un emendamento alla Legge «Mammì» votato da Pci, Sinistra indipendente e dissidenti della sinistra Dc che vietando gli spot pubblicitari nei film televisivi danneggia la Fininvest.
22 Relazione di Craxi alla conferenza programmatica del Psi a Rimini: critiche al governo, sollecitazione ai comunisti in favore dell'«unità socialista».
Una nota del presidente della Repubblica invita il parlamento a riformare il Csm.
23 Approvata in Senato la Legge «Mammì».
Scontro fra Csm e presidenza della Repubblica che ammonisce il consiglio a non deliberare sui magistrati massoni.
24 Il presidente del Consiglio Andreotti conferma di fronte all'Antimafia le prerogative dei commissario Sica.
27 Si apre alla Camera il dibattito sulla controversa legge antidroga. A Napoli 2.000 disoccupati assediano il Comune.
29 Svolta nella battaglia interessante le due grandi concentrazioni finanziarie: il giudice di Milano scioglie il patto Amcf limitando le prerogative dei gruppo Fininvest sulla Mondadori; entrano nel consiglio Enimont uomini vicini al gruppo Ferruzzi.
30 Convegno a Parma della Confindustria: accuse contro la classe politica da parte di Pininfarina e Mandelli.
Approvata dalla Camera la legge di riforma del sistema elettorale del Csm su basi uninominali: contrari Pci, Pri, Msi e indipendenti di sinistra.
31 Approvata dalla Camera, anche con l'appoggio del Pci, la riforma del sistema creditizio che trasforma le banche in Spa.

FATTI INTERNAZIONALI
1 - Libano: a Beirut le forze del gen. AOUN attaccano il quartier generale di GEAGEA: i morti sono 56 e i feriti 153.
2 - Germania Federale: il cancelliere KOHL pone condizioni per il riconoscimento delle frontiere con la Polonia, ma ritratta dopo le critiche del ministro degli Esteri GENSCHER.
2 - Lusaka: l' ANC elegge vicepresidente NELSON MANDELA, che guiderà la delegazione nei negoziati con DE KLERK.
3 - Urss: a Parkent, Uzbekistan, scontri tra polizia e nazionalisti del ''Berlik'' , con 30 morti.
3 - Cambogia: a Giakarta la conferenza di pace si chiude senza un accordo tra le parti.
4 - Urss: in Lituania i nazionalisti del Sajudis vincono le elezioni; l' 11 il Soviet di Vilnius proclama l' indipendenza e adotta la Costituzione del 1938: presidente e' eletto il leader del SAJUDIS, VYTAUTAS LANDSBERGIS.
4 - Sudafrica: con un colpo di stato salgono al potere nel Ciskei forze favorevoli alla reintegrazione al Sudafrica; il 7 un analogo putch nel Baphutatswana, viene represso nel sangue.
7 - Etiopia: MENGISTU propone un nuovo Partito unico, non marxista, entro il quale dialogare con l' opposizione; i guerriglieri eritrei e tigrini respingono la proposta.
8 - Jugoslavia: il Parlamento della Slovenia abroga dal nome della Repubblica l' attributo socialista'' e il 9 proclama l' indipendenza economica.
10 - Haiti: dopo giorni di manifestazioni si dimette il capo dello Stato PROSPER AVRIL, che fugge in Florida; presidente ad interim e' ERTHA PASCAL TROUILLOT, giudice della Corte suprema.
11 - Cile: si insedia il presidente PATRICIO AYLWIN.
13 - Urss: Il Soviet supremo approva degli emendamenti costituzionali che instaurano un regime presidenziale; il 15 GORBACIOV e' eletto presidente per un quinquennio.
14 - Germania: a Bonn, prima riunione ''4 piu' 2'' sugli aspetti internazionali della riunificazione tedesca; viene associata la Polonia per gli aspetti che la riguardano.
14 - Libia: un incendio distrugge la fabbrica di armi chimiche di Rabta.
15 - Israele: voto di sfiducia della Knesset a SHAMIR; il 20 il laburista PERES e' incaricato di formare un nuovo governo.
18 - Germania Est: Il Partito cristiano democratico e gli altri Partiti di centro-destra vincono le prime elezioni libere.
21 - NAMIBIA: la Namibia diventa indipendente.
23 - Mongolia: il Parlamento vota l' abrogazione del ruolo dirigente del Partito comunista.
24 - Australia: il Partito Laburista del premier BOB HAWKE vince le elezioni legislative per la quarta volta consecutiva.
27 - Gabon: inizia una Conferenza nazionale a cui partecipano tutte le forze politiche; il 2 aprile si conclude con la richiesta del multipartitismo, accettata dal regime.
28 - ZIMBABWE: ROBERT MUGABE vince le elezioni presidenziali e il suo Partito quelle legislative; Mugabe vuole instaurare un regime a Partito unico.
31 - Gran Bretagna: 200.000 persone protestano a Londra contro l' introduzione della ''poll tax'', un imposta locale che grava soprattutto sui ceti medio-bassi.

FATTI SPORTIVI
3 - SCI: Il norvegese OLE CHRISTIAN FURUSETH si assicura la Coppa del Mondo di gigante, vincendo la prova di Veysonnaz (Svizzera).
9 - PALLAVOLO: La Maxicono batte la Sisley vincendo la Coppa delle Coppe.
10 - PALLAMANO: La Svezia si aggiudica il Mondiale, battendo a sorpresa 27-23 l'Urss nella finale, disputata a Praga.
11 - PALLAVOLO: La Philips vince la Coppa Campioni superando in finale i francesi del Frejus.
11 - AUTO: AYRTON SENNA (McLaren) vince il G.P. di Phoenix, prima prova del Mondiale di F.1. Al secondo posto il francese JEAN ALESI (TYRRELL).
18 - CICLISMO: GIANNI BUGNO vince per distacco la Milano- Sanremo.
Muore a Turi l'ex allenatore ORONZO PUGLIESE, 80 anni.
13 BASKET - A Firenze trionfo della Knorr: battendo in finale i detentori del Real Madrid i bolognesi vincono infatti la Coppa delle Coppe.
17 - RUGBY: la Scozia, superando 13-7 l'Inghilterra nell'ultima partita, si aggiudica il torneo delle cinque nazioni ottenendo il Grande Slam.
17 - SCI: Ad Are (Svezia), nell'ultima prova, lo svizzero PIRMIN ZURBRIGGEN vince la Coppa del Mondo davanti al norvegese OLE CHRISTIAN FURUSETH ed all'austriaco GUENTHER MADER.
18 - SCI: L'austriaca PETRA KRONENBERGER vince la Coppa del Mondo femminile davanti alla connazionale ANITA WACHTER. La proclamazione definitiva si ha dopo lo svolgimento dello slalom
di Are (Svezia), vinto dalla svizzera VRENI SCHNEIDER.
21 - CALCIO: Muore a Mosca LEV JASCIN, 60 anni, leggendario portiere sovietico.
25 - AUTO: ALAIN PROST (Ferrari) vince sulla pista di Interlagos il G.P. del Brasile di F.1, precedendo sul traguardo la coppia della McLaren, formata dall'austriaco BERGER (secondo)
e SENNA (terzo).
25 - ATLETICA: Il marocchino KHALID SKAH si aggiudica il Mondiale di cross, disputato ad Aix Les Bains (Francia). Nella prova femminile, successo della statunitense LYNN JENNINGS.
25 - TENNIS: Lo statunitense ANDRE AGASSI vince il torneo di KEY BISCAINE, superando in finale lo svedese STEFAN EDBERG.
27 - PALLAVOLO: Nella Supercoppa la Maxicono batte la Philips.
31 - CALCIO: Amichevole a Basilea, Svizzera-Italia 0-1. Gol di
De Agostini. Esordisce in azzurro TOTÒ SCHILLACI

FINE MARZO

27 APRILE - Cade in Italia una delle più odiose limitazione fatte a quel cittadino italiano  che da più anni gli veniva detto che era un "cittadino europeo", ma che però non poteva né esportare, né investire all'estero il suo denaro, e nemmeno acquistare titoli esteri.
Ovviamente era "permesso" solo ad alcuni "particolari" cittadini. Quelli che erano elencati in una famosa lista: "dei 500", che però nessuno riuscirà mai a scovare. Uno morirà assassinato, l'altro con un caffè al cianuro "suicidandosi volendo simulare un assassinio", e il terzo lo trovano  appeso sotto un ponte di Londra "suicida" anche lui!

D'ora in avanti anche i "barboni" e i "cassa integrati" possono portare anche loro capitali all'estero.

Con una legge approvata dal Consiglio dei ministri,  a partire dal 14 maggio prossimo, scatta la piena liberalizzazione nei movimenti di capitali. Si è quindi liberi di aprire conti correnti all'estero in lire o in valuta locale, acquistare titoli stranieri, aprire conti bancari in Italia in moneta straniera, o spendere all'estero fino a 20 milioni senza dover fare la denuncia al fisco e l'indicazione della destinazione.

Gli italiani ne approfittano. In Svizzera il numero non è mai stato accertato, ma nella vicina Austria si aprono e ci saranno in breve 7 milioni di conti correnti di cittadini italiani, più della popolazione locale.

NOTIZIE DAI TITOLI DEI GIORNALI O TV
NAZIONALI - INTERNAZIONALI - SPORTIVI


FATTI NAZIONALI
3 - IMMIGRAZIONE SELVAGGIA - Il vicepresidente del consiglio CLAUDIO MARTELLI, in un' intervista al Tg-1, propone l' uso delle forze armate alle frontiere per arginare l' immigrazione clandestina.
5 - Firmato il rinnovo del contratto di lavoro della sanita'.
10 - Comincia la raccolta delle firme per i referendum per la modifica della legge elettorale.
12 - A Rizziconi e' rapito il commerciante ROCCO SURACE.
12 - E' firmato il rinnovo del contratto di lavoro dei bancari.
12 - A Terni i carabinieri sequestrano 15 tonnellate di acciaio speciale probabilmente destinato all' Iraq per la produzione di un supercannone. (una scoperta imbarazzante)
17 - I ''gruppi di intervento speciale dei carabinieri'' liberano PATRIZIA TACCHELLA.
24 - A Pescopagano di Castel Volturno un gruppo di persone irrompe in un bar, uccide un italiano e quattro immigrati e ferisce altre sette persone, tra cui cinque immigrati
29 - A Locri e' rapito il dentista DOMENICO PAOLA.
29 - Al largo di Trapani affonda il traghetto proveniente da Livorno: 13 persone muoiono.

ALTRI TITOLI ALTRI GIORNALI
3 Blocco delle ferrovie ad opera dei Cobas dei capistazione.
4 Valanga di emendamenti sulla legge contro la droga ne ritarda l'approvazione.
5 Altro scacco per Berlusconi: il magistrato toglie alla Mondadori il controllo dell'Editoriale «L'Espresso».
6 Incidenti a Napoli provocati da disoccupati ed ex-carcerati.
7 Approvata dal Consiglio dei ministri la «Relazione sulla situazione economica del 1989»: il deficit pubblico salito a 147.000 miliardi.
Il presidente del comitato organizzatore della Fifa manifesta allarme per la lentezza dei lavori preparatori per il Mondiale calcistico.
10 A Londra, dalla conferenza mondiale sugli stupefacenti, il ministro Gava denuncia l'invasione della coca sul mercato italiano.
11 Sciopero degli anestesisti negli ospedali: il ministro De Lorenzo ordina la precettazione.
Approvata dal Senato amnistia che cancella 2 milioni e mezzo di casi giudiziari.
12 Per dissidi sulla composizione delle liste per le elezioni amministrative la sinistra Dc abbandona la direzione.
13 Indagini in Campania sui candidati «sospetti» Figuranti nelle liste per le elezioni amministrative.
14 Guerra delle cosche mafiose in Calabria: denuncia del guardasigilli Vassalli sull'impotenza dello stato.
17 Boom turistico nel week-end pasquale: esodo paragonabile al Ferragosto, meno morti, ma più incidenti sulle strade.
18 Sciopero degli anestesisti. Trattative fra sindacati e ferrovie, per scongiurare nuovi scioperi.
19 Slitta l'approvazione della legge sulla droga: Craxi. denuncia l'ostruzionismo del Pci.
20 Il Pci presenta un progetto di legge per la riforma elettorale nei comuni: abolizione delle preferenze, elezione diretta del sindaco, estensione del sistema maggioritario, premio per le liste collegate.
22 Riunione a Dublino dei ministri degli esteri dell'Europa dei dodici.
24 L'Italia paralizzata dallo sciopero dei Cobas dei macchinisti. Ucciso in Calabria candidato democristiano.
25 Strage di camorra a Napoli per il controllo del mercato della
droga: uccisi cinque uomini di colore.
27 Il Consiglio dei ministri vara un decreto volto alla líberalizzazione valutaria e ad una sanatoria per i capitali rientranti dall'estero.
28 Si tratta nelle ferrovie: revocati gli scioperi.
Approda a Roma un treno dimostrativo con tremila parenti ed amici dei sequestrati nelle regioni del Nord.

FATTI INTERNAZIONALI
2 - Iraq: il presidente SADDAM HUSSEIN afferma che l'Iraq possiede armi chimiche binarie. Il 16 aprile in Gran Bretagna viene scoperta l' esportazione illegale di componenti di un cannone gigante destinato all' Iraq.
3 - Bulgaria: l' Assemblea nazionale elegge PETAR MLADENOV presidente della repubblica. Nello stesso giorno il Partito comunista cambia il nome in Partito socialista bulgaro.
4 - Belgio: re BALDOVINO rifiuta di firmare la legge che depenalizza in modo parziale l'aborto, gia' approvato dalle Camera. Il governo ricorre all'articolo 82 della Costituzione che prevede il passaggio dei poteri reali nelle mani del governo. Il 5 aprile le Camere riconferiscono i poteri a
Baldovino.
7 - Nepal: le autorita' decretano il coprifuoco nella regione di Kathmandu dopo dimostrazioni per la democrazia. L' 8 re BIRENDRA accetta di instaurare il multipartitismo. Il 16 il sovrano scioglie il Parlamento e destituisce il primo ministro. Il 19 l' opposizione forma un governo di transizione fino allo svolgimento di elezioni libere. Il 23 l' esercito interviene a Kathmandu per ristabilire l' ordine.
8 - Grecia: alle elezioni legislative Nuova Democrazia di CONSTANTIN MITSOTAKIS ottiene 150 seggi; il PASOK (socialista) 123 seggi. l' 11 aprile Mitsotakis forma il nuovo governo.
8 - Ungheria: nel 2/o turno delle elezioni politiche il Forum democratico (centro destra) ottiene 165 seggi su 386, mentre il Partito socialista ungherese (ex comunista) ne ottiene 33.
8 - Jugoslavia: nelle prime elezioni libere in Slovenia la coalizione DEMOS (non comunista) ottiene la maggioranza assoluta dei voti. il 22 il comunista riformatore MILAN KUCAN e' eletto presidente della repubbblica slovena.
11 - San Salvador: il governo revoca lo stato d' assedio in vigore dal 12 novembre 1989.
12 - Germania Democratica: la Volkskammer elegge LOTHAR DE MAIZIERE primo ministro. Il programma del governo prevede la riunificazione rapida con la Germania federale.
13 - Urss: il presidente GORBACIOV minaccia la Lituania di sanzioni economiche se la repubblica non annullera' la proclamazione d' indipendenza. Il 18 su ordine del governo sovietico sono interrotte le forniture di petrolio.
13 - Urss: durante la visita del presidente della Polonia JARUZELSKI (11-14), le autorita' sovietiche riconoscono la responsabilita' dell' Urss per il massacro di 15.000 ufficiali polacchi nel 1940 nella foresta di Katyn.
15 - Stati Uniti: muore l' attrice GRETA GARBO (84 anni).
21 - Polonia: con 367 voti a favore (su 467) i delegati al Congresso di ''SOLIDARNOSC'' rieleggono LECH WALESA presidente.
21-22 - Cecoslovacchia: prima visita di GIOVANNI PAOLO II in un paese dell' est, dopo la Polonia.
21 - Cipro: con il 66,7 per cento dei voti RAUF DENKTASH e' rieletto presidente della repubblica turca di Cipro del nord.
23-26 - Urss: visita ufficiale di LI PENG, la prima di un capo di governo cinese dal 1964.
24 - Germania federale: incontro tra il cancelliere KOHL e il primo ministro della Germania democratica de MAIZIERE, i due capi di governo fissano la data del 2 luglio per l' entrata in
vigore dell' unione monetaria.
24 - Zaire: il presidente MOBUTU instaura la terza repubblica; autorizza il multipartitismo e il pluralismo sindacale.
26 - Israele: dopo la rinuncia di SHIMON PERES (laburista) a formare il nuovo governo, il presidente della repubblica HERZOG affida l' incarico a YITZHAK SHAMIR (Likud).
28 - Cee: nella riunione straordinaria del Consiglio europeo si stabilisce la data dell' 1 gennaio 1993 per l' entrata in vigore dell' unione politica, economica e monetaria fra i 12.

FATTI SPORTIVI
1 - CICLISMO: A Merbeeke (Belgio), MORENO ARGENTIN batte allo sprint il belga RUDY DHAENENS si aggiudica il Giro delle Fiandre.
6 - CALCIO: La Figc annuncia che dal 1993 gli arbitri di serie A e B saranno professionisti.
7 - CICLISMO: Il belga EDDY PLANCKAERT vince la Parigi- Roubaix, superando nettamente in volata il canadese STEVE BAUER.
11 - CICLISMO: Ancora un successo per MORENO ARGENTIN, che trionfa sul traguardo della Freccia Vallone.
15 - CICLISMO: Dopo 12 anni, un corridore belga vince la Liegi-Bastogne-Liegi. Si tratta DI ERIC VAN LANCKER.
18 - CALCIO: Quattro squadre italiane si qualificano per le finali delle coppe europee. Sono il Milan (Coppa dei Campioni), la Sampdoria (Coppa delle Coppe), la Juventus e la Fiorentina
(Coppa UEFA).
19 - CALCIO: Lo svedese LENNART JOHANSSON e' eletto presidente dell'Uefa.
19 - BASKET: La Pop 84 Spalato vince per la seconda volta consecutiva la Coppa dei Campioni, battendo il Barcellona nella finale di Saragozza.
25 - CALCIO: La Juventus conquista la Coppa Italia battendo il Milan per 1-0 dopo che il confronto di andata era finito 0-0.
29 - CALCIO: Il Napoli conquista il secondo scudetto della sua storia. Il titolo arriva all'ultima giornata, quando MARADONA e compagni superano 1-0 (rete di Baroni) la Lazio.

FINE APRILE

6 MAGGIO - Nelle forti tensioni di carattere sociale, quali scioperi, scuola in fermento, delinquenza in vertiginoso aumento (*),  ma anche dentro vari organi istituzionali e dentro i partiti con accuse pesanti (**) che da mesi sono distribuite un po' a tutti, non destano poi sorpresa le ELEZIONI AMMINISTRATIVE del 6 maggio. Al voto sembra proprio prendere corpo la "protesta sociale", e il grande successo delle varie Leghe ne è il primo sintomo.

La LEGA LOMBARDA in particolare prende il 18,9 % dei voti in Lombardia (diventa il secondo partito in assoluto) il 5,1% in Piemonte, il 5,9% nel Veneto, il 6,1% in Liguria.

Buoni e anche sorprendenti risultati da un altro "partito protesta": i VERDI, con un 5% netto. Che però varia geograficamente in forma decrescente da nord a sud. Da un 6,7 in Piemonte, 5,2 Lombardia, 7,1 Veneto, tocca il 3,8-3,6  della Toscana-Umbria,  per arrivare poi a sud con un 2,0-1,4 della Calabria- Basilicata.

Altra secca perdita che farà perdere il sonno a Occhetto (atteso al varco di queste amministrative)  è quello del  PCI con un meno 6%. Mentre la DC mantiene le posizioni  e il PSI guadagna un 2% toccando e superando il fatidico 15% con un 15,3. (é il suo massimo storico).


(*) I ministro dell'Interno Gava ha tracciato un quadro allarmante della criminalità dell'Italia dei delitti. Si è passati dai 740.000 delitti del 1980 ai 2.053.000 del 1989.

(**) Leoluca Orlando a Palermo, il 19,  accusa i magistrati di tenere nel cassetto le prove dei delitti politici Matteralla, La Torre, Insalaco e altri delitti "eccellenti", compiuti dalla mafia siciliana. E' costretto a intervenire il presidente della Repubblica Cossiga per ridare fiducia ai magistrati e condannare l'intervento di Orlando. Ma le polemiche non si placano soprattutto con il "giallo" infinito del "corvo" di Palermo. 
Ma già Cossiga inizia a prendere atto che qualcosa in Italia sta accadendo. In un "messaggio" del 23  Cossiga richiama Parlamento, ordine giudiziario, forze politiche e sociali per dissolvere il clima di "confusione" provocate dalle accuse di Orlando. Richiami che sottolinea Cossiga, sono necessari per le gravi accuse rivolte alla magistratura. Convoca a Roma i quattro procuraori generali della Sicilia.
Il 28 c'è una dura replica dell'Associazione nazionale dei magistrati che non ha gradito la convocazione dei procuratori, che considera una ingerenza e una pressione esercitata in maniera indebita. 

Cossiga a giugno darà la sua prima "picconata" avanzando dei gravissimi dubbi sulla legittimità dei comportamenti e dell'operato dell'organo di autogoverno dei giudici, e farà un gesto clamoroso.

NOTIZIE DAI TITOLI DEI GIORNALI O TV
NAZIONALI - INTERNAZIONALI - SPORTIVI

FATTI NAZIONALI
1 - A Milano il presidente COSSIGA partecipa alla celebrazione dei sindacati per la festa del lavoro.
2 - PROCESSO CALABRESI - A Milano la corte d' assise accetta la tesi del "pentito" LEONARDO MARINO e condanna ADRIANO SOFRI, GIORGIO PIETROSTEFANI, OVIDIO BOMPRESSI  a 22 anni di carcere e lo stesso   MARINO a 11 anni
3 - A Cernusco sul Naviglio e' rapito l' imprenditore GIUSEPPE BERTINI.
5 - A Gioiosa Jonica i rapitori rilasciano CARLO CELADON.
5 - Una scossa di terremoto colpisce la Basilicata. Muoiono quattro persone.
6 - ELEZIONI amministrative: rispetto alle precedenti cresce il Psi, grossa perdita di voti dentro il  Pci, in calo anche gli altri partiti tradizionali, grosso successo della Leghe locali (Lombarda e veneta) dove in alcune province sfiorano il 20%.
10 - La commissione lavoro del Senato approva il disegno di legge che estende alle piccole imprese lo Statuto dei lavoratori e annulla il referendum.
14 - Entra in vigore la liberalizzazione valutaria.
19 - Il presidente Francesco Cossiga convoca per il 23 maggio i procuratori generali delle corti d' appello di Caltanissetta, Catania, Messina e Palermo per esaminare la situazione della giustizia in Sicilia dopo alcune accuse avanzate dall'ex sindaco ORLANDO (esautorato il 22 gennaio - vedi) secondo cui  sarebbero in atto manovre per insabbiare le indagini su alcuni delitti "eccellenti" compiuti dalla mafia siciliana ai danni di politici.
19 - Il tasso di sconto scende dal 13,5 al 12,5 per cento.
19 - E' firmato l' accordo per il rinnovo del contratto di lavoro delle ferrovie.
20 - Giuramento di Pontida di circa 800 consiglieri comunali, provinciali e regionali della Lega lombarda.
21 - La Corte costituzionale rielegge presidente FRANCESCO SAJA.
23 - E' approvata la legge di riforma della scuola elementare. Previsto l'avvicendamento di tre insegnanti,  l'ampliamento dell'orario e l'introduzione di una lingua straniera.
23 - La Confindustria rielegge presidente SERGIO PININFARINA.
25 - La Camera respinge la mozione di sfiducia al ministro dell' interno ANTONIO GAVA, presentata da Pci e Sinistra indipendente.
31 - Si dimette l' amministratore straordinario dell' Ente ferrovie dello stato MARIO SCHIMBERNI. Al vertice è nominato LORENZO NECCI.

ALTRI TITOLI ALTRI GIORNALI
1 Assassinato a Pomigliano d'Arco, nel napoletano, candidato del Psdi: salgono così a nove, nel Sud, le vittime della «campagna elettorale amministrativa» della criminalità mafioso-camorristica.
3 Adriano Sofri riconosciuto colpevole del delitto Calabresi è condannato a 22 anni di carcere.
4 Ucciso nella Locride un altro candidato implicato in faide criminose.
5 La Fininvest perde il controllo dell'Amef.
6 46,5 milioni di italiani alle urne per il rinnovo dei consigli di 15 regioni, 87 province. 6.274 comuni. Oltre mezzo milione i candidati.
8 Noti gli esiti del voto amministrativo: pesanti perdite del Pci, relativa stabilità dei partiti di governo, aumento delle astensioni, straordinaria performance della Lega lombarda.
9 Il consiglio di amministrazione della Fiat approva il bilancio del 1989: forte aumento del dividendo e un utile netto di 3.300 miliardi. Confermata la centralità dell'auto nella strategia del gruppo.
10 Ucciso dalla mafia a Palermo funzionario regionale.
Scontri tra polizia e studenti a Roma, Perugia e Firenze.
Duro confronto fra il «sì» e il «no» sulla debacle elettorale alla direzione del Pci. Occhetto risponde agli attacchi accelerando il processo costituente. 1 comunisti eletti nelle Usl ricevono istruzione di lasciare ogni incarico.
11 Approvata al Senato la legge che estende lo Statuto dei lavoratori anche alle aziende con meno di 16 dipendenti, e che evita il referendum in materia di licenziamenti; favorevoli Pci e De, astenuto il Psi, contrario il Pri, proteste delle categorie imprenditoriali.
12 Dopo 18 mesi di battaglia approvata alla Camera la legge sulla droga: favorevoli le forze di governo ed il Msi, contrarie le sinistre.
13 Un'operazione dei carabinieri nel porto di Napoli porta alla luce una connection fra Iraq e aziende di stato italiane nella fabbricazione di un super-cannone.
15 Raggiunto un accordo di massima fra ente ferrovie e sindacati confederali e autonomi; annunciano nuove agitazioni gli insegnanti della Gilda.
16 Il movimento laico Carta 89 presenta un ricorso al Tribunale di Roma chiedendo che la Corte costituzionale si esprima sulla incostituzionalità dell'8 %. dell'imponibile Irpcf pro confessioni religiose.
Scade il termine di consegna Fifa sui 12 impianti del Mondiale, ma nessuna città è in regola, in specie Napoli, Firenze, Milano, Roma.
17 Arrestati a Milano Il «colletti bianchi» impegnati nel riciclaggio degli introiti mafiosi.
18 L'Europarlamento si pronuncia a larghissima maggioranza contro l'Expo a Venezia.
19 Il Tesoro riduce di un punto il tasso di sconto.
20 Il presidente Cossiga chiama a rapporto i procuratori generali di quattro corti d'appello siciliane.
Il Consiglio di stato respinge il ricorso dei Tar dei Lazio sull'ora di religione: soddisfazione delle gerarchie ecclesiastiche.
22 La Cassazione cancella la consultazione referendaria sulle piccole imprese.
23 Il ministro dei Trasporti precetta 20.000 ferrovieri per scongiurare le conseguenze degli scioperi indetti dai Cobas.
24 Dopo l'incontro coi procuratori siciliani, una nota del presidente della Repubblica sostiene i magistrati e stigmatizza le accuse avanzate dall'ex sindaco Orlando circa inadempienze e collusioni implicanti parti della magistratura.
25 Approvata a larga maggioranza (contrari Pri e Pli) alla Camera legge che regola gli scioperi nei pubblici servizi.
27 Sul caso Palermo l'associazione nazionale magistrati critica il comportamento del Quirinale.
29 Dura replica del presidente della Repubblica ai rilievi sollevati dall'Anm.
31 Relazione del governatore Ciampi all'assemblea annuale della Banca d'Italia. Chiesto allo stato uno «sforzo straordinario» per contenere il deficit pubblico.

FATTI INTERNAZIONALI
2 - Urss: il presidente lituano LANDSBERGHIS accetta il congelamento dopo gli effetti della dichiarazione di indipendenza
2-4 - Sudafrica: negoziati tra il governo e l' Anc.
3 - Mosca: muore il patriarca ortodosso PIMEN (80 anni).
3 - Ungheria: JOZSEF ANTALL, leader del Forum democratico, e' incaricato di formare il governo.
4 - Urss: il Parlamento Lettone proclama l' indipendenza; l'8 quello Estone abolisce l' appellativo ''socialista sovietica''.
4 - Grecia: il parlamento elegge COSTANTINO KARAMANLIS presidente della repubblica.
6 - Usa: a Washington il G-7 vara l' aumento del 50 per cento del capitale del Fmi.
9 - Albania: il governo chiede di aderire alla Csce.
10 - Francia: a Carpentras e' profanato il cimitero ebraico; in seguito episodi analoghi avvengono in altre citta' europee.
11 - Mongolia: il Parlamento approva il multipartitismo.
12 - Urss: a Tallin il primo vertice dei presidenti di Lituania, Lettonia e Estonia istituisce il consiglio del Baltico, per far fronte comune a Mosca. Il 14 Gorbaciov dichiara illegali le risoluzioni di indipendenza di Estonia e Lettonia.
13 - Madagascar: fallisce un tentativo di colpo di stato contro il regime socialista del presidente DIDIER RATSIRAKA.
14-19 - Urss: l' incontro del segretario di Stato americano BAKER con SHEVARDNADZE e Gorbaciov, sblocca le trattative sulle armi nucleari strategiche (Start) e su quelle convenzionali.
15 - Vaticano: ripristinate le relazioni diplomatiche con la Romania dopo 42 anni.
16 - Santo Domingo: JOAQUIN BALAGUER, presidente uscente del Partito riformista socialcristiano, vince le elezioni.
18 - Germania: i governi delle due Germanie firmano un Trattato per l' unione economica e monetaria dall' 1 luglio.
19-20 - Cee: il Consiglio dei ministri approva una bozza per l' Unione Politica: prevede il rafforzamento del Consiglio europeo e del Parlamento.
19 - Parigi: i paesi della Banca europea di sviluppo stabiliscono la sede a Londra e nominano presidente Jaques Attali.
19 - Nicaragua: i Contras interrompono la smobilitazione secondo gli accordi del 19 aprile.
20 - Tel Aviv: un israeliano uccide a colpi di mitra sette lavoratori palestinesi; nelle successive proteste l' esercito uccide altri 17 palestinesi e ne ferisce 700.
20 - Romania: Il Fronte di salvezza nazionale vince le elezioni e ION ILIESCU viene eletto presidente.
23 - Gabon: manifestazioni contro il presidente BONGO, per l' omicidio di un leader dell'opposizione: la Francia prevedendo disordini invia 200 paracadutisti.
23 - Urss: il Parlamento lituano approva la sospensione delle leggi varate dopo la proclamazione dell'indipendenza
24 - Urss: il primo ministro RYZHKOV presenta al Soviet supremo la riforma economica, che prevede il libero mercato.
25 - Onu: a Ginevra, al Consiglio di sicurezza, ARAFAT chiede l' invio di Caschi blu nei territori occupati e sanzioni contro Israele; il Consiglio non adotta alcuna decisione.
26 - Jugoslavia: la 2/a sessione del Congresso della Lega del Pc, privo dei delegati di Slovenia, Croazia e Macedonia, rinuncia dei comunisti al monopartitismo.
27 - Birmania: La lega nazionale per la democrazia vince le prime elezioni libere dopo 30 anni.
27 - Colombia: tra azioni terroristiche dei narcotrafficanti, il liberale CESAR GAVIRIA vince le presidenziali.
29 - Urss: Il leader radicale BORIS ELTSIN e' eletto presidente della repubblica Russa.
30 - Costa d' Avorio: il governo vara il multipartitismo.
31 maggio - 1 giugno - Usa: incontro al vertice tra Bush e Gorbaciov.

FATTI SPORTIVI
2 - CALCIO: Nell'andata della finale di Coppa UEFA giocata a Torino, la Juventus supera 3-1 la Fiorentina.
2 - HOCKEY GHIACCIO: A Berna, l'Urss conserva il titolo mondiale, concludendo al primo posto nella classifica finale davanti a Svezia e Cecoslovacchia.
6 - GINNASTICA: Nei Campionati Europei, la sovietica BOGINSKAIA conquista cinque medaglie d'oro.
9 - CALCIO: La Sampdoria vince la Coppa delle Coppe, battendo 2-0 (dopo i tempi upplementari) l'Anderlecht nella finale disputata a Goeteborg (Svezia). Entrambe le reti dei blucerchiati sono segnate da VIALLI.
13 - AUTO: Sul circuito di Imola, RICCARDO PATRESE (Williams- Renault) si aggiudica il G.P. di San Marino di F.1.
15 - CICLISMO: MARCO GIOVANNETTI, che corre per la squadra spagnola della Seur, vince la ''Vuelta''. In classifica generale, il toscano precede gli spagnoli Pedro Delgado ed ANSELMO FUERTE.
16 - CALCIO: La Juventus vince la Coppa UEFA. Nel ritorno della finale, disputata sul ''neutro'' di Avellino, pareggia 0-0 con la Fiorentina.
23 - CALCIO: A Vienna, il Milan conquista la Coppa dei Campioni per la seconda volta consecutiva. Con una rete dell'olandese RIJKAARD, i rossoneri battono il Benfica Lisbona.
30 - CALCIO: A Perugia amichevole premondiale degli azzurri, Italia-Grecia 0-0.

FINE MAGGIO

3 GIUGNO - REFERENDUM - Dopo le amministrative gli italiani sono chiamati a esprimere il loro voto per abrogare la legge sulla Caccia e sull'uso dei pesticidi. L'affluenza alle urne é solo del 43,3 %, che non permette di raggiungere il quorum richiesto che è del 50% + 1 voto.
Sono comunque andati a votare 18 milioni di italiani che hanno votato per l'abrogazione.
Ha vinto il "partito" astensionista", ovviamente  composto dal popolo dei cacciatori e dei contadini dei fondi che sono poi quelli che ricevono i contributi dalle associazioni venatorie.

5 GIUGNO - Viene arrestato dai carabinieri l'ex sindaco di Palermo Vito Ciancimino.

8 GIUGNO - INIZIANO IN ITALIA I CAMPIONATI DEL MONDO DI CALCIO

13 GIUGNO - Cossiga  il Presidente della Repubblica inizia a "esternare". Ha iniziato (con il "caso Orlando" a Palermo) a prendere atto in maggio che qualcosa in Italia sta accadendo. Cossiga dà la sua prima "picconata" avanzando dei gravissimi dubbi sulla legittimità dei comportamenti e dell'operato dell'organo di autogoverno dei giudici; in una lettera al CSM esterna questi dubbi e afferma che non presiederà più alle sue sedute.


23 GIUGNO - Le aperture delle frontiere a Est, procurano anche vantaggi in Italia, nel turismo. In una sola domenica contemporaneamente sono giunti a Venezia 1200 pullman, pari a 75.000 turisti provenienti dalla ex Ddr tedesca, dalla Polonia e dall'Ungheria, che hanno creato problemi di emergenza nella città lagunare, già invasa in questa stagione dai normali turisti più quelli ospitati nelle non lontane spiagge adriatiche.

NOTIZIE DAI TITOLI DEI GIORNALI O TV
NAZIONALI - INTERNAZIONALI - SPORTIVI

FATTI NAZIONALI
3 - Si svolgono i due referendum sulla caccia e sull'uso dei pesticidi. Per la prima volta i referendum sono nulli perché i votanti non raggiungono il 50 per cento (il 43,3). Una dura sconfitta degli ambientalisti. Il popolo dei cacciatori e i contadini che ricevono i contributi é stata una vittoria promuovendo l'astensionismo. Tra i pochi voti espressi i ''si''' sono oltre il 92 per cento.
5 - I carabinieri arrestano l'ex sindaco di Palermo VITO CIANCIMINO.
7 - E' approvata la legge per la regolamentazione del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali.
7 - Il Senato approva il disegno di legge di riforma dell'ordinamento della autonomie locali.
8 - Cominciano i campionati del mondo di calcio.
12 - MICHELE PRINCIPE e' nominato presidente dell' ALITALIA.
13 - Il Senato approva il disegno di legge ''antidroga''. E' reato il possesso di droga. Scompare  il concetto di "modica quantità" sostituito  da "dose media giornaliera"
13 COSSIGA Presidente della Repubblica é polemico con  il CSM, avanza dubbi sulla sua legittimità dei comportamenti e dell'operato dell'organo di autogoverno dei giudici e afferma con una lettera  che non presiederà più alle sue sedute.
15 - LORENZO NECCI é nominato amministratore straordinario delle Ferrovie dello stato.
19 - La Confindustria disdice l' accordo sulla scala mobile.
21 - Vicenda MONDADORI: il collegio arbitrale assegna alla Cir di DE BENEDETTI le azioni AMEF sotto sequestro.
24 - La 12/a assemblea nazionale delle Liste verdi approva il processo di rifondazione che deve portare all' unificazione con i ''Verdi arcobaleno''.
29 - Vicenda Mondadori: l' assemblea ordinaria revoca il consiglio d'amministrazione e il presidente BERLUSCONI.
30 - Scade il termine previsto dalla legge MARTELLI per la regolarizzazione della posizione degli immigrati clandestini.

ALTRI TITOLI ALTRI GIORNALI
1 Dopo le lunghe e infruttuose trattative, si dimette il commissario delle Ferrovie dello stato Schimberni.
Nuove clamorose rivelazioni sulla strage di Ustica.
2 Barricate e blocchi stradali a Napoli per l'acqua inquinata.
Condannati all'ergastolo i Br che assassinarono Ruffilli.
3 L'Italia si reca alle urne per votare i referendum su caccia e pesticidi.
5 Valanga di sì ai referendum, ma la consultazione è invalidata dalla maggioranza astensionista: restano in vigore le norme da sopprimere.
6 Arrestati a Palermo l'ex sindaco Ciancimino ed il costruttore Vaselli, implicati negli appalti sporchi.
8 Fra le polemiche sugli stadi, divieti anti-alcool e misure di sicurezza straordinarie, si apre il Mondiale di calcio.
Approvata dal Senato la legge che regolamento gli scioperi nei servizi pubblici; approvazione definitiva anche per la legge sulle autonomie locali.
9 In un discorso a Milano il presidente Cossiga critica il Csm e i partiti.
Confronto ad Ariccia fra le diverse anime della minoranza Pci: Cossutta minaccia la scissione.
12 Dopo il Senato anche la Camera si pronuncia contro l'Expo a Venezia.
Monito di Cossiga ai partiti (da San Marino), si dimette per protesta un membro del Csm.
13 Nuovo monito di Cossiga rivolto indirettamente alla Commissione stragi della Camera.
14 Approvata definitivamente dal Senato la normativa anti-droga: polemica del Psi contro il movimento di obiezione.
Dura requisitoria del Quirinale contro il Csm in una lettera di cinque pagine.
15 Il Csm respinge gli attacchi del presidente Cossiga.
Il Consiglio dei ministri vara la riforma delle Ferrovie dello stato e nomina un nuovo commissario.
19 Il consiglio di amministrazione dell'Amef revoca Berlusconi dalla presidenza della Mondadori.
20 Rotte le trattative fra sindacati e Confindustria: disdetta della scala mobile, blocco dei contratti per 3 milioni di lavoratori. 1 sindacati orientati verso uno sciopero generale.
Camera e Senato si riuniscono in seduta congiunta per eleggere i consiglieri laici dei Csm.
21 Scioperi e manifestazioni di operai metalmeccanici nel Nord.
22 Proseguono le agitazioni operaie mentre il ministro del Lavoro convoca le parti.
Il «Iodo» arbitrale, sull'affare Mondadori, dà ragione a De Benedetti.
24 Sciopero a sorpresa dei Cobas nelle ferrovie.
27 Fallisce la mediazione del ministro del Lavoro: scioperi e grandi manifestazioni operaie a Milano, Torino e Napoli.
28 Dopo un intervento dei familiari delle vittime, il caso Ustica torna all'esame del Csm.
29 La commissione Lavoro del Senato approva disegno di proroga della scala mobile: il Psi vota a favore dissociandosi dalla maggioranza.
30 L'assemblea degli azionisti rimuove Berlusconi dalla presidenza Mondadori.


FATTI INTERNAZIONALI
3 - Gran Bretagna: i membri del Comitato nazionale del Partito socialdemocratico decidono lo scioglimento del Partito.
4 - Peru': la polizia arresta 70 guerriglieri di ''SENDERO LUMINOSO'' che fanno parte dello Stato maggiore dell' organizzazione guerrigliera.
4 - Urss: nella citta' di Osh a causa di incidenti etnici fra kirghizi e uzbeki muoiono 193 persone ed altre 1.000 restano ferite.
6 - Francia: i 17 paesi membri del Cocom riducono le restrizioni alle vendite delle tecnologie nei confronti dei paesi dell' Europa dell' Est.
8 - Cecoslovacchia: nelle prime elezioni libere dopo il 1946, il Forum civico e il Partito slovacco ''Pubblico contro la violenza'' ottengono la maggioranza in Parlamento. Il Partito comunista ottiene 24 seggi. Il 27 i deputati rieleggono ALEKSANDER DUBCEK presidente del Parlamento.
10 - Bulgaria: si svolge il 1/o turno delle elezioni. Al termine del 2/o turno (17 giugno) il Partito socialista (ex comunista) ottiene la maggioranza assoluta con 211 seggi.
10 - Peru': nelle elezioni di ballottaggio ALBERTO FUJIMORI ottiene il 56,5 per cento dei voti e diviene presidente della repubblica. Fujimori sconfigge MARIO VARGAS LLOSA (33,9 per cento) del Fronte democratico di centro destra.
11 - Israele: con 62 voti favorevoli, 57 contrari e un'astensione la Knesset (Parlamento) concede la fiducia al governo di centro-destra del primo ministro YITZHAK SHAMIR.
12 - Algeria: nelle elezioni amministrative (le prime libere dal 1963), il Fronte islamico di salvezza (Fis) ottiene il 54,25 per cento dei voti, mentre il Fronte di liberazione nazionale (il partito al potere) ottiene il 28,13.
13 - Romania: a Bucarest dopo l' evacuazione degli studenti dalla piazza dell' Universita' (occupata dal 22 aprile) avvengono numerosi incidenti fra manifestanti e forze dell' ordine. Il 14 e 15 giugno circa 10.000 minatori accorrono all' appello del presidente ILIESCU e aiutano l' esercito nella repressione. Secondo il ministero della Sanita' negli incidenti muoiono 6 persone e 502 restano ferite.
20 - Stati Uniti: in una conferenza stampa il presidente George Bush annuncia di voler sospendere il dialogo con l' Olp (iniziato il 15 dicembre 1988).
21 - Germania: i Parlamenti di Bonn e di Berlino est approvano il trattato che sancisce l' Unione economica, monetaria e sociale fra le due Germanie a partire dall' 1 luglio e approvano la dichiarazione sulla inviolabilita' delle frontiere fra Germania e Polonia.
21 - Iran: due scosse di terremoto (di magnitudo 7,3 e 6,5) colpiscono le province di Zanjan e Gilan causando la morte di circa 35.000 perone e 500.000 senza tetto.
26 - Cee: Il Consiglio europeo riunito a Dublino fissa per il 13 e 14 dicembre l' apertura delle conferenze intergovernative sull' unione economica e monetaria e sull'unione politica.
25-30 - Zambia: dopo l' annuncio del raddoppio del prezzo della farina di mais avvengono degli incidenti fra manifestanti e polizia che causano la morte di 24 persone e il ferimento di
altre 200. Il 30 il colonnello LUCHEMBE tenta un colpo di Stato che pero' fallisce.
26 - Francia: i Partiti ''Rassemblement pour la republique'' (Rpr) e ''Union pour la democratie francaise'' (Udf) si uniscono nella confederazione ''Union pour la France''.
29 - Urss: il Parlamento lituano approva una sospensione di 100 giorni degli ''effetti giuridici'' della dichiarazione d' indipendenza (fatta l' 11 marzo).

FATTI SPORTIVI
6 - CICLISMO: Gianni BUGNO vince il Giro d'Italia.
8 - CALCIO: A Milano s'inaugura la 14/a edizione del Mondiale. Ed e' subito sorpresa con l'Argentina, campione in carica, che viene sconfitta 1-0 dal Camerun.
9 - CALCIO: Esordio con successo, seppur faticoso, per l'Italia che supera 1-0 (gol-partita di Schillaci) l'Austria.
10 - TENNIS: L'ecuadoriano ANDRES GOMEZ vince a Parigi gli Internazionali di Francia, battendo in finale lo statunitense Andre Agassi. Se un anziano (30 anni) vince il torneo maschile, in quello femminile, il successo va alla sedicenne jugoslava MONICA SELES, che nella finale supera Steffi Graf.
14 - CALCIO: A Roma, Coppa del Mondo: Italia-USA 1-0
19 - CALCIO: A Roma,Coppa del Mondo: Italia-Cecoslovacchia 2-0
25 - CALCIO: A Roma,ottavi Coppa del Mondo: Italia-Uruguay 2-0
25 - AUTO: Alain PROST (Ferrari) vince il G.P. del Messico di F.1.
30 - CALCIO: A Roma, quarti Coppa del Mondo, Italia-Eire 1-0.

FINE GIUGNO

 

PROSEGUI CON GLI ALTRI 6 MESI DEL 1990 > > >

OPPURE RITORNA CON IL BACK
ALLE TABELLE

< < alla HOME PAGE DI STORIOLOGIA